L’impoverimento dei mari sta raggiungendo dei livelli catastrofici :

specie come il tonno e il pesce spada si sono ridotte del 90% dal 1950 ad oggi.

Ad oggi il pesce costituisce una delle maggiori fonte proteiche per 3 miliardi di persone.

Si calcola che 1 pesce su 5  servito nei ristoranti o venduto nei negozi sia stato pescato di frodo, per un valore globale di 23 miliardi di $ (*).

(*) pari a 26 milioni di tonnellate  nel mondo, all’anno (fonte per entrambi i dati : The Pew Charitable Trusts, riportati da The Economist).

La pesca di frodo viene praticata sia nelle acque degli Stati sia nelle acque internazionali.

La pesca illegale è stata resa possibile anche grazie alla tecnologia del sonar.

Ma la tecnologia potrebbe anche iniziare a fornire le armi “giuste” ai governi per combattere il fenomeno dello spopolamento dei mari, attraverso radar e nuovi sistemi satellitari.

Per i consumatori: è fondamentale informarsi sulla provenienza del pesce.

 

 

Vedi anche : Ma il tonno rosso è veramente protetto?

 

prima stesura: 28 gennaio 2015

 

Condividi questo articolo sui Social Network
Facebooktwitterlinkedin