Il  5 giugno è stato proclamato dalle Nazioni Unite giorno mondiale dell’Ambiente, quest’anno sarà dedicato ai piccoli stati insulari in via di sviluppo.

Sarà celebrato in oltre 100 paesi, ma si conta soprattutto sulla forza esponenziale che può scaturire dalle azioni dei singoli cittadini del Pianeta: ogni atto, anche piccolo, conta e tutti siamo chiamati a prenderci responsabilmente cura della Terra. Anche quest’anno l’invito è a far sentire la propria voce nel comune obiettivo di riportare l’attenzione sulla sostenibilità e l’accesso alle risorse per tutti gli abitanti del Pianeta. A tutti viene chiesto di usare fantasia e impegno per realizzare progetti e iniziative di ogni tipo, in modo che ogni azione risuoni nel Globo. Se anche quest’anno ci sarà una simile partecipazione, sarà centrato un altro importante obiettivo del WED 2014: sensibilizzare l’opinione pubblica mondiale in vista della Conferenza delle Nazioni Unite sui piccoli Stati insulari in via di sviluppo, che si terrà il prossimo settembre a Samoa per attivare partenariati internazionali per lo sviluppo sostenibile.

Fonte: ARPATnews del 03/06/2014

info: http://unep.org/wed/




visto “l’invito è a far sentire la propria voce nel comune obiettivo di riportare l’attenzione sulla sostenibilità…” ne approfittiamo per segnalare che…

3,5 milioni di persone muoiono ogni anno a causa dell’inquinamento dell’aria

Su The Economist del 24 maggio 2014 era una “breve” ma penso che meriterebbe più spazio perchè è una notizia che fa riflettere e che può spronarci ad adottare comportamenti più virtuosi

Condividi questo articolo sui Social Network
Facebooktwittergoogle_pluslinkedin