A un mese dalla scadenza dell’accordo sulle esportazioni con Kiev, le prospettive sul rinnovo sono negative. Il Cremlino vuole sostituirsi alle imprese occidentali e negoziare direttamente con i Paesi emergenti. Repubblica 26 aprile 2023

Sull’argomento leggi qui

immagine1