Namibia: siccità da record e gli animali selvatici finiscono all’asta

Il mese scorso la Namibia è stata posta in stato di emergenza per la siccità e ha chiesto solidarietà della comunità internazionale. Per evitare una nuova moria come nel 2018 ora bufali, elefanti e antilopi, provvisti di certificati veterinari e provenienti dai parchi, verranno messi all’asta. La direttiva è stat firmata dal ministro dell’Ambiente e riguarda quasi mille esemplari. L’elenco comprende : 500- 600 bufali, 60 giraffe, 16 kudu, 35 amtilopi “eland” del parco dell’altopiano di Waterberg; 150 gazzelle dei parchi di Hardap e Naute; 65 orici e 28 elefanti del parco nazionale di Khaudun; 2′ impala del Von Bach e 16 gnu del Daaan Viljoen. Dalla vendita dovrebbe entrare nnel casse del Game Products Trust Fund (l’ente che si occupa di preservare gli animali) circa 1 milione di euro.Si conta , anche, di abbassere la popolazione animale: i bufali, censiti in circa 960 capi, si ridurranno della metà. L’obiettivo è diminuire gli animali in competizione per acqua e cibo, ma gli ambientalisti sono perplessi. La Namibia è il primo paese a inserire la protezione degli animali in Costituzione. E il governo spera che così arrivino le risorse per la fauna e la flora e il ministro ha detto che i capi verranno dati alle riserve che hanno capacità di mantenere gli animali. Molti però indicano come secondo fine la caccia.

di Francesco Malgaroli, Repubblica , 18 giugno 2019

Quel che Repubblica non dice :

1.in Namibia – come in moltissime altre parti dell’Africa – non piove da anni.

In Namibia dal 2012 piove solo qualche millimetro all’anno…

2.  quando si parla di caccia si intende quella dei bianchi.

Molte comunità locali vivono della stesso mezzo  e… si trovano attanagliate tra la siccità e la concorrenza dei bianchi nella caccia, senza mezzi di sussistenza.

E’ il caso degli Himba (foto sotto), una comunità bantù, situata a nord del paese.

Sono 27’000 e potrebbero vivere felicemente – per scelta loro –  senza acqua, elettricità, web, etc. ma non senza animali.

Spariranno?

Dipende  molto anche da quanti orici (una razza di antilopi, nella foto sotto) troveranno i loro cacciatori …

Gli orici tempo fa erano talmente numerosi da diventare uno dei simboli della bandiera della Namibia.

Lo rimarranno?

Molto dipende dal clima.

Trovi altre mie foto, scattate in  Namibia, qui

Grazie a Giulio Barendson

Condividi questo articolo sui Social Network
Facebooktwittergoogle_pluslinkedin