“…Ma tale volontà di costruire qualcosa di buono, di bello, di efficiente, di concreto, di innovativo è sempre emersa anche nel modo in cui lei si è sobbarcato caparbiamente il peso del rischio di certe direzioni intraprese- e anche i brillanti risultati che ha conseguito nel tempo, basterebbe ammettere – ; quelle intuizioni imprenditoriali che vanno sotto il termine alla moda di visione sono un dono, tanto più prezioso quanto più ampi sono i mezzi a disposizione per implementarle: inutile dire che ha dimostrato di avere questo dono, il che ha reso ancora più interessante lavorare con lei..”

brano tratto dalla lettera di Sergio Monsorno, ex buyer Esselunga e coordinatore commerciale della Centrale d’acquisti ESD Italia (*) a Giuseppe Caprotti

(*) in Esselunga e in Centrale dal 1995 dal 2005.

Condividi questo articolo sui Social Network
Facebooktwittergoogle_pluslinkedin