LA STORIA DI DIANA
A febbraio di quest’anno, nel Centro di Recupero del WWF, è arrivata Diana una tartaruga marina di circa 3-5 anni. Subito la visita e la radiografia hanno confermato che l’animale aveva la pinna anteriore fratturata e aveva perso la maggior parte dell’articolazione: la cancrena stava consumando ciò che rimaneva della pinna e stava attaccando i tessuti sottostanti tanto che abbiamo dovuto amputarle una pinna.Dopo mesi di convalescenza il 21 giugno è stata liberata e ora nuota felice nel Mediterraneo… seppur con una pinna in meno!La nostra piccola paziente è stata fortunata, ma per una tartaruga che si salva ce ne sono tantissime altre, 40.000 solo nel Mediterraneo, che muoionoogni anno perchè restano impigliate nelle reti a strascico e fisse o perchè per sbaglio ingoiano gli ami che servono per pescare.Ora ci serve il tuo aiuto, con l’adozione potrai regalare un futuro a tutte le altre tartarughe marine in difficoltà. Pensa che ogni anno, in ognuno dei nostri Centri, accogliamo circa 30 esemplari che vengono curati e quando possibile rimessi in libertà.
Condividi questo articolo sui Social Network
Facebooktwittergoogle_pluslinkedin