“L’innominato” innominabile Giuseppe Caprotti, autore di “Le ossa dei Caprotti”. Morning Post del 13 febbraio 2024

Ci sta che Marina Caprotti decida liberamente di non nominare il fratello, di non voler nominare il titolo del Libro, ma il giornalista, se fa il giornalista, lo dovrebbe dire come si chiama il titolo del libro e la persona di cui si sta parlando. Perché è un’informazione piuttosto fondamentale da dare al lettore

Un’altra agricoltura è possibile

In questa sporca partita, chi perde? Quasi tutti: gli agricoltori, destinati a vivere di sussidi (finché ci saranno) per pagare pesticidi e fertilizzanti, i cittadini, che faticheranno a scovare cibi sani e di qualità, i giovani che erediteranno suoli desertificati e acque inquinate. Chi vince? L’agroindustria e le multinazionali che controllano il mercato di semi, fertilizzanti e fitofarmaci.

Billa testa i supermercati premium

L’operazione galleria commerciale + negozio premium sembra rendere molto vivo lo spazio ma, a occhio, comporta un aggravio di costi del personale molto forte, con il quale diventa  difficile essere competitivi con i prezzi. A occhio ancora grande spazio per i prodotti italiani che per il momento costituiscono solo una piccola nicchia che, invece, nel tempo potrebbe espandersi